Dormire meglio senza cuscino: è possibile?

Dormire meglio senza cuscino: è possibile?
In Regole d'oro per un buon riposo di Tecnofibre Tecnofibre

Che sia anatomico, sintetico, in piuma d’oca o in memory foam, il cuscino è uno degli elementi da scegliere bene per assicurarsi un buon riposo.

Eppure, c’è chi dice di riuscire a dormire meglio senza cuscino. È un’abitudine salutare, o è meglio correggere il modo di addormentarsi per non creare danni alla schiena o alla cervicale?

Vediamolo insieme.

Meglio dormire con il cuscino o senza?

Spesso, si sente dire che dormire senza cuscino sarebbe salutare per la schiena e per la cervicale. In realtà, nessuno studio scientifico ha mai confermato questa tesi. Semplicemente, dormire con il cuscino o meno è una scelta personale: se fare a meno del guanciale ti fa dormire meglio e non ti causa dolori al risveglio, allora puoi benissimo continuare così.

Se, però, la qualità del sonno non ti soddisfa, allora è il caso di correggere l’abitudine di dormire senza cuscino e sceglierne uno che faccia al caso delle tue esigenze.

Generalmente, comunque è preferibile dormire con il cuscino, poiché quest’ultimo è in grado di assecondare le curve naturali della colonna vertebrale.

Un buon guanciale di qualità, infatti, ha lo scopo di mantenere allineata la colonna vertebrale, senza creare tensioni muscolare, e difficilmente il tratto cervicale, anche se si utilizza un materasso in memory foam, riesve a restate in posizione naturale senza l’utilizzo di un cuscino.

In conclusione, dormire senza cuscino può aumentare il rischio di problemi alla schiena e alla cervicale.

In realtà, la scelta di dormire con il cuscino o senza dipende anche dalla posizione adottata durante il sonno.

Quando si dorme su un fianco

Se dormi su un fianco, dormire senza cuscino non è affatto una buona idea poiché la testa non viene assolutamente sostenuta. Senza il cuscino, infatti, il capo è costretto a stare costantemente inclinato verso la spalla che poggia sul materasso, creando una tensione prolungata. Il risultato può essere un forte dolore al collo, problemi alla cervicale e ai muscoli della spalla, soprattutto se utulizzi il braccio come sostegno per la testa.

Quando si dorme supini

Anche nel caso in cui tu sia abituato a dormire supino, è meglio utilizzare un cuscino. Quando si è stesi a pancia in su, infatti, rimane dello spazio tra il collo e il materasso, così che la testa ruoti all’indietro, perdendo l’allineamento corretto con la colonna vertebrale. Questa posizione scorretta, inoltre, potrebbe farti russare parecchio.

La soluzione migliore se dormi in questa posizione, quindi, è quella di scegliere un cuscino abbastanza basso.

Quando si dorme a pancia in giù

Dormire a pancia in giù è poco raccomandabile in maniera generale, non solo se non si usa un cuscino. Questa posizione, infatti, comprime la gabbia toracica, schiaccia le vertebre lombari della schiena e disallinea collo e testa alla colonna vertebrale.

C’è però chi proprio non riesce ad addormentarsi con altre posizioni, in questo caso è consigliabile dormire senza cuscino o con un cuscino molto sottile. Inoltre, è molto utile usare uns econdo cuscino da posizionare a livello del bacino, così da sostenere meglio la colonna vertebrale.

Condividi su: