Sicurezza e salute: le certificazioni che deve avere un buon materasso

Sicurezza e salute: le certificazioni che deve avere un buon materasso
In News di Tecnofibre Tecnofibre

Quando si acquista un materasso è necessario controllare le certificazioni che lo accompagnano e che ne attestano l’idoneità all’utilizzo in diversi ambiti. I materassi Enkifoam, da questo punto di vista, sono perfetti per l’uso domestico e non solo.

Tecnofibre ha sviluppato una Linea Contract, dedicata al settore ricettivo, e una Linea Sanitaria, destinata all’uso nel settore ospedaliero, nelle case di riposo e in strutture di breve e lunga degenza, che si affiancano ai materassi della Linea Casa. Tutto questo perché ogni ambito ha bisogno di un materasso specifico che assecondi perfettamente le esigenze dell’utente e ne preservi la salute.

La garanzia di qualità e della correttezza dei processi produttivi può essere dichiarata solo attraverso le certificazioni che accompagnano un prodotto. Vediamo dunque quali sono le principali certificazioni che un materasso deve presentare per garantire sicurezza e salute all’utente finale.

Che cos’è la certificazione Oeko-Tex?

La certificazione Oeko-Tex garantisce che un prodotto è stato fabbricato nel pieno rispetto dell’ambiente. Tutta la catena di produzione e gli stabilimenti in cui viene lavorato il prodotto sono organizzati per limitare i danni alla natura.

Questa certificazione è importante perché assicura anche che il prodotto non contiene sostanze nocive per l’uomo. Se consideriamo infatti che in media un terzo della giornata viene trascorso a letto, ci possiamo rendere conto che scegliere un materasso realizzato con materiali di alta qualità è quanto mai indispensabile per preservare la propria salute e quella della famiglia.

Quando occorre acquistare un materasso con dicitura “Dispositivo Medico CE in classe 1”? 

Nel caso di patologie posturali o di pazienti allettati presso il proprio domicilio, è il caso di acquistare un materasso che abbia come dicitura “Dispositivo Medico CE in classe 1”. Si tratta di una certificazione che accompagna gli imbottiti che vengono indicati come materassi antidecubito.

Il prodotto è accompagnato dalla marcatura CE, ottenuta dopo rigorosi test certificati da laboratori esterni che prendono sotto esame proprio le materie prime che compongono il materasso, verificando se sono state rispettate le direttive UE. Questo tipo di materasso può essere prescritto dal medico curante in caso di necessità ed è un prodotto detraibile fiscalmente al 19%. 

Quando è necessario acquistare un materasso con certificazione ignifuga?

Sia in ambito ricettivo che in ambito sanitario, e nelle strutture di accoglienza, è necessario dotarsi di materassi recanti la certificazione di classe di reazione al fuoco. Quest’ultima riguarda i prodotti tessili e imbottiti. Secondo la normativa vigente, è obbligatorio dotarsi di imbottiti ignifughi se si gestiscono strutture con più di 25 posti letto.

Per garantire maggior sicurezza e qualità ai propri ospiti o degenti (in caso di aziende sanitarie), sarebbe opportuno scegliere un materasso che presenti la classe di reazione al fuoco 1lM. Tale certificazione è rilasciata dal Ministero dell’Interno e riguarda sia i guanciali che i materassi.

Cos’è la certificazione ISO 13485:2016? 

Certificazione Bureau Veritas - ISO9001 ISO13485
Certificazione Bureau Veritas – ISO9001 ISO13485

La certificazione  ISO 13485 deve accompagnare un prodotto che generalmente viene impiegato in ambito medicale. Questa certificazione viene rilasciata alle aziende conformi alle norme internazionali che regolano gli standard di gestione della qualità proprio in ambito sanitario. 

La certificazione, inoltre, è importante per chi ha la necessità di acquistare un prodotto che abbia come determinazione la dicitura “dispositivo medico”, perché attesta la sicurezza del prodotto stesso per l’utente finale.

Perché acquistare i prodotti di un’azienda certificata ISO 9001:2015? 

La certificazione ISO 9001 pone al centro del contenuto normativo la soddisfazione del cliente. L’azienda che la richiede, quindi, desidera sottoporre al controllo qualità il proprio processo produttivo.

I controlli avvengono ciclicamente in base all’aggiornamento dei requisiti fino all’intero monitoraggio del processo produttivo. Le linee guida sono stabilite e modificate dall’Organizzazione internazionale per la normazione. 

Un’azienda certificata ISO 9001:2015, quindi, è un’azienda in grado di soddisfare i bisogni dei clienti e che lavora al fine di migliorare continuamente il prodotto, i processi produttivi e la gestione d’impresa. 

Solo le aziende che raggiungono un’alta efficienza organizzativa possono ottenere tale certificazione, a garanzia per il cliente finale di un prodotto di elevata qualità.

Condividi su: